EFFETTI TERMICI

INTELLIGENT TECHNOLOGY

ALTE FREQUENZE E LORO EFFETTI TERMICI

Effetti Termici alle alte frequenze

Gli effetti termici indotti dalle alte frequenze sono dovuti ad un aumento della temperatura causato dalla conversione dell’energia assorbita in calore.endo così la rimozione di tossine e sostanze necrotiche. L’ipertermia inoltre provoca il rilascio di sostanze antinfiammatorie come il cortisolo e antalgiche come le endorfine.

Effetti termici 1

Tratto da https://nutripuntura.it/i-fondamenti-dellautoregolazione-cellulare/

Ad elevate frequenze, dove la polarità del campo viene invertita parecchi milioni di volte al secondo, la rapida oscillazione e con il conseguente attrito intermolecolare fanno sì che parte dell’energia ceduta dal campo magnetico esterno venga assorbita dalle molecole che, vibrando, la trasformano in calore.

In particolare il trasferimento di energia avviene attraverso:

  • induzione di dipoli: il campo elettrico esercita forze di segno opposto sulle cariche positive e negative presenti nel sistema, provocando una polarizzazione indotta;
  • allineamento di dipoli già esistenti, come, ad esempio, le molecole d’acqua che si orientano e ruotano secondo il campo;
  • correnti di conduzione indotte dalle forze applicate sulle cariche libere presenti (sviluppo di calore per effetto Joule).

Il riscaldamento a radiofrequenza che sfrutta la propagazione di onde elettromagnetiche è detto riscaldamento dielettrico.

Effetti termici 2

Tratto da: https://www.celsius42.de/it/medical-blog/che-cos-e-il-riscaldamento-capacitivo-o-perche-si-scalda-in-profondita

Un organismo esposto ad alte frequenze assorbe energia in base al valore del campo elettrico interno ed alla conducibilità dei tessuti esposti, la quale, a sua volta, dipende dal contenuto in acqua del tessuto. Il grasso ed il tessuto nervoso assorbono, infatti, meno del tessuto muscolare. A parità di potenza, quindi, ogni tessuto tenderà a scaldarsi in modo diverso in funzione della sua irrorazione sanguigna.

Tecnologia-focusmed

Come illustrato nella figura, l’esposizione ad un campo e.m., anche elevato, per brevi periodi, non provoca alcun effetto (e quindi, a maggior ragione, danno) se il tessuto è sufficientemente vascolarizzato.

La vasodilatazione, infatti, permette un maggiore afflusso di sangue con una conseguente dispersione del calore nell’intero organismo (maggiore inerzia termica). Gli effetti termici sono generalmente causati da esposizioni brevi ma intense.

Chiedi una prova gratuita

Desideri provare i nostri dispositivi ?
Vuoi testare la loro funzionalità e praticità?
Compilando il modulo un nostro incaricato ti contatterà per fissare un incontro a costo zero.

Siamo molto attenti alla privacy, per questo motivo i dati inseriti in questo modulo sarano trattati nel pieno rispetto delle regole della privacy Europea (GDPR) che trovi qui  e conservati per il tempo necessario a soddisfare la richiesta inviata.

Approvazione della Privacy

3 + 1 =

800-456220